design Nero Cintura Originale Doubleface Di Esprit Uomo italia Pelle Capp Esprit VSqUpMGz

  La Salute è la nostra Cultura

Grano Sneakers Stile Stivaletti Giardini 13490 A423400m Tronchetto Bambino Nero nuovo nero XZPkOiu
  • seguici su:
  • design Nero Cintura Originale Doubleface Di Esprit Uomo italia Pelle Capp Esprit VSqUpMGz

Come trattare una distorsione di ginocchio?

Cosa fare in caso di distorsione di ginocchio se ci capitasse mentre, ad esempio, siamo a fare la settimana bianca in montagna? Quali sono le procedure da seguire?

Il professor Roberto D’Anchise, responsabile dell’U.O. di Chirurgia e Traumatologia del Ginocchio I all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi, ci spiega le casistiche più frequenti, le cause e i trattamenti più indicati a seconda della zona colpita.

“Fondamentali, dopo un primo accertamento con il medico del luogo, sono esami più specifici e strumentali con la Radiografia e la Risonanza Magnetica. La TAC, a meno che non ci siano fratture, non ha nessuna indicazione nelle patologie del ginocchio perché non solo è irrilevante a scopi diagnostici ma è anche più dannosa in quanto emana raggi nocivi per l’organismo. Inoltre, l’esame clinico immediato è fondamentale ma a volte per il dolore non consente una precisa diagnosi; per questo vale la pena di rivalutarlo dopo qualche giorno. Esistono diversi gradi di distorsione: quella di primo grado, quando non c’è una rottura importante a carico della capsula dei legamenti; quella di secondo e di terzo grado, quando sono danneggiati i legamenti che possono provocare un’instabilità. La lesione più frequente nel trauma distorsivo è quella che interessa il legamento crociato anteriore per il quale non è indispensabile un trattamento chirurgico immediato. A questo proposito, la Risonanza Magnetica è l’esame più indicato e deve sempre essere confrontato con l’aspetto clinico perché, molte volte, è la clinica che, con manovre particolari, ci dà la certezza o meno di una rottura del crociato anteriore. È fondamentale che la visita dallo specialista comprenda anche una valutazione del ginocchio controlaterale perché, potrebbe capitare che, in presenza di ginocchia instabili dal punto di vista congenito (ad esempio, assenza del legamento crociato anteriore) venga fatta erroneamente una diagnosi di lesione di crociato. In alcuni casi, immediatamente conseguenti al trauma, viene attuata una procedura detta artrocentesi, ovvero un’asportazione del liquido contenuto nella capsula articolare, utile esclusivamente a scopo antalgico (contro il dolore) non diagnostico”.

“Si ricorre all’immobilizzazione del ginocchio solamente - continua - in caso di fratture particolari che richiedono l’intervento chirurgico, o quando è interessato (oltre a uno dei due legamenti, crociato anteriore o posteriore) il legamento collaterale interno perché il legamento interno, a differenza del crociato anteriore, guarisce nel momento in cui si ricorre all’immobilizzazione mentre per il crociato anteriore si valuta in un secondo tempo l’opzione di ricostruirlo. L’indicazione per la ricostruzione non è sempre immediata a meno che non si tratti di atleti professionisti. Questi sono gli unici casi in cui si tende a operare precocemente per ridurre il tempo di assenza dall’attività professionistica; negli altri casi, si tende a operare (quando vi sia l’indicazione) a ginocchio non più dolente senza gonfiore, poiché in questo modo il recupero post-operatorio è più agevole. Molto spesso, in caso di lesione del solo legamento crociato posteriore, l’opzione chirurgica non è sempre la prima scelta poiché non crea né instabilità né limitazioni del movimento; al contrario, per quanto riguarda la rottura del crociato anteriore, provocando cedimenti nei cambi di direzione o nei salti, esiste l’indicazione alla ricostruzione in relazione all’età, alle esigenze di vita, di lavoro e sportive. I cedimenti, ovviamente, avvengono più facilmente nell’attività sportiva perché la sollecitazione è maggiore, mentre avvengono con minor frequenza nelle attività quotidiane. In caso di trattamento non chirurgico, è indispensabile un rinforzo muscolare per ridurre il rischio di questi cedimenti. Le fratture a carico dell’articolazione del ginocchio sono molto importanti perché il ginocchio è un’articolazione sulla quale carichiamo il peso, per cui la superficie cartilaginea deve essere perfetta. Se ci fosse un dislivello tra una superficie cartilaginea e l’altra, ecco che - non essendo più le due superfici dell’articolazione simmetriche e complete - si tenderebbe progressivamente ad andare incontro a un’usura della cartilagine (artrosi). In presenza di una significativa alterazione della superficie cartilaginea, è indicato un trattamento chirurgico per ristabilire la continuità articolare. Altra procedura è rappresentata dal distacco del crociato anteriore con un pezzo d’osso, sempre in caso di frattura. Reinserendo il frammento osseo, viene così ricostruita la lunghezza del legamento senza che esso abbia più problemi. Con l’avvento della Risonanza Magnetica, è emerso che esistono fratture intraspongiose dell’osso cioè a livello della porzione ossea vicino all’articolazione (osso spongioso). Questa zona è molto delicata e, in conseguenza di un trauma anche banale, va incontro a una specie di edema - una sofferenza – o, addirittura, a microfratture al suo interno visibili soprattutto grazie alla RM. Molto spesso, il dolore persistente delle distorsioni del ginocchio, al di là dell’evento traumatico, può essere legato a queste immagini che frequentemente vediamo di edema della spongiosa la quale, fortunatamente, guarisce con il tempo”.

“Certamente - conclude il prof. D’Anchise - si può parlare di prevenzione da un punto di vista muscolare: è fondamentale mantenere una buona muscolatura e fare del riscaldamento prima di qualsiasi attività sportiva. È importante non raggiungere mai la soglia di eccessivo affaticamento”.

X